Beneficenza seriale: a Natale sono tutti più buoni, anche gli attori

Michele Li Noce –

Le star grandi e piccole delle serie TV si prodigano in attività a favore degli altri, scopriamo chi sono e che cause sostengono

Stephen Amell posa con le due statue di Oliver Queen messe all'asta per beneficenza.
Stephen Amell posa con le due statue di Oliver Queen messe all’asta per beneficenza

A Natale si sa, siamo tutti più buoni, noi abbiamo deciso di parlarvi delle varie attività di beneficenza di alcuni dei più famosi attori di serie TV. Va precisato che difficilmente gli attori citati amano sfruttare le loro opere di bene come veicolo promozionale, preferendo essere al centro dell’attenzione in altri momenti della loro carriera e vita privata; questo atteggiamento determina la genuinità delle loro opere, fatte senza apparenti secondi fini.

La controversa T-shirt a favore della lotta al cancro, realizzata da Amell.
La controversa T-shirt a favore della lotta contro il cancro, realizzata da Amell

Parliamo subito di una delle star più in vista in questo momento, Stephen Amell, protagonista di Arrow, che qualche mese fa ha messo all’asta due statuette che lo ritraggono nei panni di Oliver Queen. Lo scopo è aiutare la piccola Sophie, affetta da una grave forma di tumore al cervello e in poco meno di due giorni si è raggiunta la cifra di 20.000 dollari. Più recentemente un accordo con l’associazione “F..K Cancer”, l’ha visto protagonista con delle T-shirt fatte per la raccolta fondi in cui appariva il suo volto. Inutile dire che sono state vendute oltre 21.000 magliette in pochissimo tempo.

Katherine Heigl durante un galà a favore della sua associazione.
Katherine Heigl durante un galà a favore della sua associazione

Sebbene fare beneficenza sia una cosa normale per le star, in alcuni casi questo fatto è legato anche a questioni personali. Un esempio significativo ce lo fornisce Katherine Heigl star di State of Affairs in onda in questo momento sulle reti NBC e indimenticata Izzie Stevens di Grey’s anatomy. La dolorosa scomparsa del fratello in un incidente stradale, con il quale condivideva il grande amore per gli animali, l’ha convinta, insieme alla mamma Nancy a creare la “Jason Debus Heigl Foundation” associazione che si occupa della raccolta fondi per iniziative legate all’adozione, tutela e protezione degli animali n tutto il paese. Nel 2010 l’iniziativa “Compassion revolution” lanciata dalla fondazione, ha raccolto 1 milione di dollari per questi scopi. La Heigl è inoltre impegnata anche nella campagna a sostegno della donazione organi.

Clooney e Bonneville posano a favore del Text Santa.
Clooney e Bonneville posano a favore del “Text Santa”

La puntata natalizia di Downton Abbey è ormai entrata nella tradizione e quest’anno si arricchirà della presenza dell’attore americano George Clooney che, in accordo con la produzione, devolverà l’intero cachet della sua interpretazione a favore del “Text Santa”, la tradizionale raccolta fondi a favore delle persone più deboli e povere (che vede la partecipazione di diverse Star della televisione americana). Clooney che ha già girato lo sketch che lo vede protagonista insieme a Hugh Bonneville e Michelle Dockery, si è sempre dichiarato fan sfegatato della serie, accettando con entusiasmo la partecipazione. Tutte le riprese sono state coperte dal massimo segreto e solo a ridosso della messa in onda, sono stati svelati i particolari della partecipazione del bel George.

Emily Kinney durante la sua esibizione di Beneficenza.
Emily Kinney durante la sua esibizione di beneficenza

Segnaliamo anche la bellissima iniziativa di Emily Kinney, la Beth Greene di Walking Dead, ha deciso di tornare a cantare per sensibilizzare i media sul problema dell’epilessia. La sua performance si è svolta all’interno del “Candlelight Concerts for Epilepsy Awareness”, un’ iniziativa voluta per ricordare che di Epilessia si può anche morire. La sua voce dolce e melodiosa ha incantato i presenti e dato un sicuro contributo alla raccolta fondi.

Ian somerhalder in un'immagine che promuove la sua fondazione.
Ian Somerhalder in un’immagine che promuove la sua fondazione

L’attore Ian Somerhalder, protagonista indiscusso di The Vampire Diaries, è da sempre considerato tra i più attivi nelle opere a favore della salvaguardia della Terra. La sua fondazione la“Ian Somerhalder foundation” è tra le più conosciute per le iniziative legate ai problemi che affliggono il nostro pianeta e il suo contributo anche in denaro è sempre più che generoso.

La “Ice Bucket Challenge” ovvero la gara di secchiate d’acqua gelata legata alla raccolta fondi per la SLA, è diventata nei mesi passati una vera e propria epidemia mediatica a cui non si è sottratto nessuno, compresi gli attori di tantissime serie TV. Noi vi segnaliamo il video fatto da Stana Katic (la Beckett di Castle) se non altro per il divertente inseguimento per le roulotte della troupe tra lei, Jon Huertas e Seamus Deaver (rispettivamente Esposito e Ryan).

Il chiaro messaggio contro la schiavitù di End-it.
Il chiaro messaggio contro la schiavitù di “End it”

Ultima ma non meno importante, vi segnaliamo l’iniziativa dell’attore australiano Nathaniel Buzolic (The Vampire Diaries, Pretty Little Liars, The Originals, Supernatural), che si è impegnato in prima persona nelle attività di “End it”, un’associazione che combatte per portare alla luce gli oltre 27 milioni di uomini, donne e bambini che in tutto il mondo vivono ancora il dramma della schiavitù, un tema davvero inaspettato del mondo moderno e civilizzato, che però non va dimenticato.

I beniamini della Tv sono impegnati socialmente non solo a Natale, ma anche tutto il resto dell’anno e speriamo che i loro gesti possano essere di ispirazione per molti. 

Comments

comments