Dolcetto o scherzetto? Ecco cosa guardare ad Halloween con i più piccoli

Antonella Cabras-

Tanti titoli adatti ai bambini per trascorre una serata di Halloween con qualche “piccolo brivido” all’insegna del divertimento

95d7bb7e8815898cdc893c0d72e7856b547682d6Dolcetto o scherzetto?
Tutti i bambini ormai conoscono questa domanda, grazie ai libri e alla televisione e il 31 ottobre siamo certi che la ripeteranno senza sosta a mamme, papà e vicini di casa. Che i bimbi festeggino andando di casa in casa mascherati da simpatici mostriciattoli, streghette e fantasmini (tradizione che ha ormai preso piede anche in Italia), chiedendo appunto i famigerati dolcetti o si incontrino con gli amichetti per una bella festa in maschera, uno dei momenti più attesi della serata, sarà sicuramente la visione di un film a tema. Ma quali sono i titoli adatti ai bambini per trascorrere una serata spensierata e all’insegna di qualche “piccolo brivido”?

una divertente clip dal film

Iniziamo con i grandi classici, film che sicuramente piaceranno anche agli adulti e li faranno tornare bambini almeno per una sera; ecco quindi  Hocus Pocus pellicola della Walt Disney Pictures del 1993. Una divertente commedia a tinte dark e fantasy ambientata durante la notte di Halloween a Salem, che vede protagoniste le sorelle Sanderson (Bette Midler, Sarah Jessica Parker e Kathy Najimy ), tre streghe uccise nel lontano 1693, tornate in vita trecento anni dopo per andare a caccia di bambini. A fermare le tre megere, più pasticcione che spaventose, il giovane Max, sua sorella Dani e la loro amica Allison, che con l’aiuto di un dolcissimo gattone, affronteranno una magica avventura. La pellicola gioca sull’ironia e la parodia del genere horror, con ambientazioni decisamente curate e scenografie e costumi molto suggestivi (ricordiamo per esempio il libro degli incantesimi), oltre a un cast di giovani e adulti capace di non prendersi troppo sul serio e di giocare molto con i personaggi. Un film adatto a tutti che è ormai diventato un cult. 

una tenera clip dal film

Un altro classico degli anni 90′ è Casper, film per ragazzi che ha fatto storia, con protagonista il tenero fantasma che da il nome alla pellicola.  Il fantasmino vive o per meglio dire “infesta” uno spettrale castello ma al contrario di tutti i suoi simili, invece di spaventare i vivi, vorrebbe fare amicizia con loro. Ovviamente i suoi tre zii, dai simpatici nomi di Molla, Ciccia e Puzza, non sono dello stesso parere e fanno di tutto per terrorizzare chiunque metta piede nel castello. Le cose però cambiano quando nella dimora si trasferiscono il dottor James Harvey, psicologo per fantasmi e sua figlia Kat (una piccola Christina Ricci), la quale stringe una tenera amicizia con Casper. Il film è sicuramente adatto ai più piccini ed è una tenera variante del tema dell’incontro con un essere soprannaturale, il quale non è più spaventoso ma gentile e premuroso.

sqeI8Come non citare poi, La casa dei fantasmi, divertentissima pellicola del 2003 con protagonista Eddie Murphy alle prese con una casa stregata: Jim Evers si reca per lavoro in una casa infestata dai fantasmi, trascinando con se sua moglie e i due figli e i quattro saranno convinti a restare nel maniero dall’ambiguo maggiordomo Ramsley. Grazie alla magica e spaventosa avventura che vivranno e con l’aiuto dei fantasmi, Jim imparerà l’importanza della famiglia che negli ultimi tempi aveva trascurato per dedicarsi agli impegni lavorativi.
Lo spumeggiante Eddie Murphy (nominato come miglior attore protagonista dai Kid’s Choice Award nel 2004), si confronta con un’icona del cinema quale Terence Stamp nei panni del maggiordomo RamsleyLa pellicola della Disney gioca sull’umorismo e la simpatia, facendo trascorrere un’ora e mezza di spensieratezza con i suoi effetti speciali fantasmagorici. Questo fantasy per famiglie è consigliatissimo ai bambini dai 7 anni in su.

Passiamo invece all’animazione con il gioiellino, La sposa cadavere del regista Tim Burton, uscito nel 2005 e prodotto dalla Tim Burton Productions e dalla Laika Entertainment (quest’ultima è una casa di produzione indipendente che sforna pellicole molto interessanti, come Boxtrolls-Le scatole magiche uscito in Italia il 2 ottobre di quest’anno).
Se avete amato Nightmare before Christmas non potrete non amare anche La sposa cadavere, girato come il suo predecessore con la tecnica dell’animazione stop motion e con atmosfere profondamente tetre e macabre.
Ambientato in un villaggio europeo del XIX secolo, il lungometraggio segue la vicenda di Victor (doppiato da Johnny Depp nella versione originale), che grazie alla sua goffaggine si ritrova unito in matrimonio a Emily, una misteriosa sposa cadavere (Helena Bonham Carter), mentre la sua promessa sposa Victoria (Emily Watson) attende abbandonata nel mondo dei vivi.
Bellissimi i momenti musicali, soprattutto quelli ambientati nel sottosuolo, il regno dei morti, ritratto in modo vivace e spassoso e indimenticabile il finale, struggente e poetico. Una perla ideata da Tim Burton che non mancherà di affascinare ancora oggi tutti i bambini (consigliato dai 7 anni in su). 

monster-house-original1Proseguiamo con Monster House (dal quale poi è stato tratto un libro scritto da Tom Hughes), film d’animazione che rientra a pieno titolo nella rosa delle pellicole d’animazione più riuscite ambientate ad Halloween: cosa c’è infatti di più spaventoso di una casa infestata? É la notte di Halloween appunto e tre ragazzini decidono di esplorare una tetra magione appartenente al signor Nebbercracker, un anziano scorbutico che confisca tutti gli oggetti che finiscono sul suo prato e scaccia in modo aggressivo coloro che passano troppo vicino alla sua proprietà. Il giovane DJ e i suoi due amici, Timballo e Jenny, vogliono “affrontare” la casa, che pare sia stregata. Quale oscuro mistero nasconde il signor Nebbercracker? Questo film del 2006 è particolarmente avvincente e molto ironico, la sceneggiatura vira sulla parodia degli stereotipi dei classici film horror, a cominciare proprio dalla casa infestata da qualche oscura presenza. La tecnica della performance capture permette di utilizzare ogni singolo movimento espressivo degli attori nelle animazioni dei personaggi e proprio questo, unito al 3D, riesce a rendere il tutto molto realistico, tanto da far sobbalzare sulla sedia più di una volta.

Coraline-Poster01Ma la casa di Monster House non è l’unica a nascondere oscuri segreti e lo sa bene Coraline, l’intrepida ragazzina protagonista del film Coraline e la porta magica uscito nel 2009 e diretto da Henry Selick, già regista di Nightmare before Christmas.
La pellicola è un adattamento del romanzo omonimo di Neil Gaiman ed illustrato da Dave McKean, pubblicato in Italia dalla Arnoldo Mondadori Editore nel 2002. La storia è particolarmente inquietante: Coraline ha undici anni e si è appena trasferita in una nuova casa assieme ai suoi genitori. La casa è grande ed è tutta da esplorare, ma i genitori hanno poco tempo per la ragazzina, occupati come sono dai loro rispettivi lavori, perciò spesso la ignorano o la spediscono fuori a giocare. Girando per le stanze, Coraline scopre una porticina su una parete e incuriosita la apre, entrando in un’altra casa che pare uguale alla sua, solamente più bella e colorata. In questo nuovo universo ci sono anche i suoi genitori, o meglio, due persone identiche a loro: questi genitori sono affettuosi e la ricoprono di premure. Non tutto però quadra, i genitori di quest’altra dimensione hanno dei bottoni al posto degli occhi e se Coraline vorrà rimanere a vivere con loro, dovrà farsi cucire anche lei dei bottoni sugli occhi. Non tutto è come sembra, dice un vecchio detto e Coraline scoprirà a proprie spese che sotto l’apparenza si celano misteri che forse è bene non rivelare. Questa fiaba dark ricorda un po’ Alice nel Paese delle meraviglie per la dimensione parallela alla realtà e risulta particolarmente inquietante proprio per le tematiche affrontate. Tra immagini distorte, mostri, animali imbalsamati, fantasmi e altre creature soprannaturali c’è di che passare una bella serata da brivido in compagnia dei genitori (consigliato dagli 8 anni in su).

Iconografia classica anche per ParaNorman con protagonisti spaventosi zombie; come La sposa cadavere e Coraline, anche questo film è prodotto dalla Laika Entertainment ed è stato girato con la tecnica della stop-motion per poi essere distribuito nelle sale anche in 3D. Norman è un ragazzino amante dei film horror e ha un dono: riesce a vedere e a parlare coi morti ed è per questo motivo che viene ritenuto strambo dalla famiglia e preso di mira dai bulli a scuola. Un giorno però, a causa di una maledizione secolare, la piccola cittadina in cui vive il ragazzo, viene assaltata dagli zombie. L’unico che potrà salvare le sorti della città è proprio Norman che sarà costretto ad affrontare, oltre agli zombie, fantasmi e streghe, come se non bastasse, adulti ottusi. ParaNorman è un originale viaggio nella paura infantile e si adatta ai bambini dagli 8 anni in su per la trama molto articolata, anche se non mancano  alcuni riferimenti, che forse possono essere colti solo da ragazzini più grandi.

hotel-transylvania-16875-1920x1200Non più case infestate o cittadine abitate da mostri in Hotel Transylvania: in questa pellicola abbiamo un lussuoso albergo fatto costruire dal famigerato Conte Dracula per accogliere gli amici di sempre, Frankenstein, il lupo mannaro, giganti, troll, mummie, streghe e così via. Dracula ha una figlia di nome Mavis e vuole organizzare per lei una bellissima festa in onore del suo 118º compleanno, ma Mavis non ne può più di stare sempre rinchiusa nell’albergo. La verità è che Dracula ha paura che gli umani non accetteranno mai i mostri, perciò cerca di proteggere sua figlia proibendole di avventurarsi fuori dall’hotel. Ovviamente le cose non vanno come il vampiro vorrebbe e a sconvolgere i suoi piani penserà Jonathan, un simpatico ragazzo che farà breccia nel cuore dei mostri. Il film d’animazione del 2012, girato con l’uso della computer grafica, gioca sul tema dell’incontro/scontro tra gli umani crudeli e creature gentili ma inserisce anche un’originale nota romantica in questo universo, dove ci si pone la fatidica domanda: chi sono in realtà i veri mostri? Grandi risate per bambini di tutte le età!Toy-Story-of-Terror-2013Per concludere, ecco due gustosissimi speciali televisivi di Halloween tratti da due film di successo: stiamo parlando di Shrekkato da morire e Toy Story of Terror! Il primo risale al 2010 ed è andato in onda il 30 ottobre su Italia1, in occasione della vigilia di Halloween e viene riproposto quasi tutti gli anni da allora. È un cortometraggio della Dreamworks e vede protagonista il ben noto orco verde Shrek alle prese con la festa di Halloween. Un cortometraggio pieno di simpatici riferimenti a film horror, uno fra tutti Lo Shreksorcista.

Toy Story of Terror! è andato in onda nel 2013 su Disney Channel e vede il gruppo di giocattoli più famoso del cinema, intraprendere un viaggio e ritrovarsi in un misterioso motel dove accadono le cose più strane. Woody, Buzz e gli amici dovranno cercare di risolvere la situazione il più fretta possibile prima che si compia un terribile destino.

piccolibrividiSe ancora non siete sazi di spaventi però, consigliamo la visione anche di qualche episodio della famosissima serie tv “Piccoli Brividi“, tratta dall’altrettanto nota serie di libri di R.L.Stine. Adatti per l’occasione ci sono gli episodi ambientati durante questa notte stregata: Le zucche di Halloween e La maschera maledetta 1 e 2. 

Alcuni divertenti, altri più inquietanti ma tutti con una storia non convenzionale e personaggi strambi che vi appassioneranno, questi sono i titoli per i più piccoli di cui consigliamo la visione nella serata più terrificante dell’anno. Spegnete dunque la luce, mettetevi comodi e… buona visione!

Comments

comments