Festival Mozart, la grande musica classica in scena a Torino

Federica Spagone –

Da domani e fino al 23 luglio, grandi concerti sinfonici in città

immagine F. Mozart
Al via domani il Festival Mozart, il progetto ideato dalla Città di Torino e realizzato dalla Fondazione per la Cultura di Torino, offrirà sei serate animate da tre grandi orchestre con direttori e interpreti di fama internazionale.
Dal 18 al 23 luglio il “salotto” torinese di Piazza San Carlo si trasformerà in una sala da concerto sotto le stelle, in cui saranno protagoniste le opere di Wolfgang Amadeus Mozart. Il compositore austriaco, che ha legato il suo nome a capitali come Monaco, Vienna, Parigi, Berlino e Praga, suonò nel 1771, poco più che adolescente, anche nella città sabauda. Ed è per questo che la città ha deciso di rendergli omaggio. La rassegna, interamente gratuita, è concepita come una grande festa popolare, per favorire un’autentica partecipazione, permettendo anche a un pubblico nuovo, la fruizione della musica classica e sinfonica.

Protagonisti del Festival, diventato quest’anno una manifestazione corale che ha coinvolto tutto il territorio cittadino, sono il Teatro Regio, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, l’Orchestra Filarmonica di Torino, l’Academia Montis Regalis con i loro direttori, interpreti e solisti, il Conservatorio Statale di Torino Giuseppe Verdi, l’Associazione Mozart Italia, i Corsi di Formazione Musicale e la Film Commission Torino Piemonte per le videoscenografie.
L’apertura e la chiusura del cartellone sono curati dalla Orchestra e Coro del Teatro Regio con il Don Giovanni (18 luglio)e Il flauto magico (23 luglio), presentati in un format inedito pensato per un grande pubblico di piazza: la magia musicale e scenica dei momenti più salienti delle opere sarà alternata a intermezzi narrativi condotti da due attori.
Sarà poi l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, guidata dal suo Direttore principale Juraj Valčuha a proporre altre celebri pagine: si parte il 19 luglio con musiche di ispirazione sacra: il mottetto Exsultate, Jubilate e La Messa di Requiem in Re minore, mentre lunedì 21 luglio sarà la volta di due notissime sinfonie: La Sinfonia n. 40 in Sol minore K. 550 e la Sinfonia n. 41 “Jupiter”, composte da Mozart in rapida successione nel 1778.

L’Orchestra Filarmonica di Torino, diretta da Federico Maria Sardelli, eseguirà invece una selezione di concerti per strumento solista ed orchestra:
In programma il 20 luglio la Sinfonia in re maggiore K. 385 “Haffner”, il Concerto per clarinetto e orchestra K. 622, il Concerto n 3 per violino e orchestra K. 216.
Il 22 luglio invece si potranno ascoltare il Concerto per flauto, arpa e orchestra K. 299, il Concerto n. 21 per pianoforte e orchestra K. 467 e il Concerto in la maggiore per pianoforte e orchestra K. 488.

Tutti i concerti in piazza San Carlo saranno introdotti da una guida all’ascolto curata dal musicologo Giorgio Pestelli.

Ma il Festival non si ferma alla sola Piazza San Carlo, tutta la città infatti sarà invasa dalla musica classica: dal 19 al 23 luglio, il progetto “Le strade di Mozart”, di Glocal Sounds in collaborazione con alcuni Conservatori del Piemonte e della Valle d’Aosta, porterà la musica in suggestivi luoghi tra il Quadrilatero Romano, Porta Palazzo e Borgo Dora, distribuiti secondo tre percorsi tematici il sacro, il profano e il magico.

Comments

comments