Flipback: la nuova concezione di lettura tascabile

Paola Boni –

La nuova collana Mondadori per tutti quelli che di e-book non vogliono proprio sentir parlare

flipback

Nel 2013 in Italia è stato riscontrato un deciso calo di lettori ovvero di persone che hanno dichiarato di aver letto nel corso dell’anno almeno un libro al di là degli obblighi scolastici o lavorativi. Secondo un sondaggio Istat la percentuale è scesa nettamente, passando dal 46% al 43% rispetto all’anno precedente. La crescente crisi economica e i prezzi spesso esorbitanti dei singoli volumi hanno inoltre relegato i libri tra i beni “di lusso” cosa che ha portato a un notevole calo delle vendite e a un progressivo aumento della pirateria editoriale. Un panorama quindi non proprio roseo quello del mercato Italiano al quale a lungo si è cercato (e si cerca ancora oggi) di dare un nuovo slancio.
Sono molte infatti le case editrici che hanno proposto collane con titoli a basso costo o innovazioni editoriali accattivanti atte proprio a dare nuovo vigore al mercato. Dopo la Newton Compton con i suoi libri a 99 centesimi, infatti, anche la Mondadori ha lanciato una nuova iniziativa: i Flipback.

flipback

Lanciati ufficialmente sul mercato al Salone del Libro di Torino, i romanzi in edizione Flipback spiccano per il loro formato tascabile (hanno infatti circa 1/6 dello spazio di un’edizione tradizionale), ma soprattutto per la lettura verticale che permette di sfogliare il volume con una sola mano, dal basso verso l’alto. Nonostante le dimensioni ridotte però, il testo è mantenuto nel suo formato originale e integrale; inoltre ogni libro è rigorosamente rilegato a filo per aumentarne la qualità e la leggibilità.

titoli flipback

I romanzi che fanno parte della collana spaziano per genere e autori, dando così la possibilità a un maggior numero di lettori di sperimentare questa innovazione letteraria. Tra i titoli attualmente pubblicati vi sono “Inferno” di Dan Brown, la trilogia di “Hunger Games” di Suzanne Collins, “La solitudine dei numeri primi” di Paolo Giordano, la trilogia di “Cinquanta sfumature” di E.L. James e “Splendore” di Margaret Mazzantini.

Un tentativo quindi di realizzare dei libri che possono essere tenuti tranquillamente in tasca come un e-reader, ma che preservano il piacere delle sensazioni tattili di un cartaceo, un modo per far avvicinare gli Italiani alla lettura attraverso una fusione di innovazione e classicità. Questo particolare esperimento, merita sicuramente di essere tenuto d’occhio perché dimostra la volontà di cambiamento di quello che é sicuramente uno dei maggiori gruppi editoriali del nostro paese. Magari chissà, se dovesse ottenere un buon riscontro da parte dei lettori, potrebbe essere solo il primo esempio di una nuova evoluzione editoriale.

Comments

comments