Grandi eventi per la Settimana Europea della Cultura a Torino

Giulia Porzionato –

Torino Capitale Europea della Cultura, con giorni e notti di eventi imperdibili fino al fino al 28 settembre 

TORINO - EUROPALa città di Torino, fino al 28 settembre, darà spazio alla cultura in tutte le sue forme ospitando la Settimana Europea della Cultura, in un frenetico susseguirsi di mostre, laboratori e convegni. L’iniziativa è nata per poter accogliere nel miglior modo possibile il Summit del 23 e 24 settembre, in cui Torino sarà Capitale Europea della Cultura: 28 Ministri della Cultura dei Paesi membri dell’Eurozona con le rispettive delegazioni, si incontreranno infatti alla Venaria Reale per delineare strategie di sviluppo comuni, dedicate soprattutto ai giovani e tese a incoraggiare produzioni e scambi transnazionali; in concomitanza con il meeting si terrà la Conferenza Internazionale “Il patrimonio culturale come bene comune: verso una gestione partecipativa del patrimonio culturale del terzo millennio”. In seguito al saluto del Sindaco di Torino Piero Fassino, la conferenza sarà aperta da Dario Franceschini (Ministro per i beni, le attività culturali e il turismo) e Androulla Vassiliou (Commissario Europeo per l’istruzione, la cultura, il multilinguismo, lo sport, i media e la gioventù).

Moltissimi gli eventi in programma in città capeggiati, da tre notti tematiche ricche di appuntamenti: la Notte Blu della Cultura, la Notte dei Ricercatori e la Notte Bianca della Spiritualità che saranno caratterizzate da aperture straordinarie e laboratori notturni.  Durante la settimana, inoltre, gli eventi saranno accompagnati dall’illuminazione molto speciale di alcune piazze e monumenti che acquisiranno una luce blu, in onore della Bandiera europea.

Il 23 settembre la Notte Blu della Cultura renderà omaggio al meeting con molti musei cittadini aperti al fino a mezzanotte con ingresso gratuito: tra i tanti Palazzo Madama, la GAM, il MAO, il Museo del Cinema, il Museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso” e il Museo dell’Auto.

Il 26 settembre sarà la volta della nona edizione della Notte dei Ricercatori inserita nel programma come evento speciale, promossa e finanziata dalla Commissione Europea. I ricercatori dei diversi Atenei saranno circa 500 e con oltre 50 stand mostreranno la ricerca tecnologica e scientifica per un confronto diretto con i cittadini. Sul territorio piemontese, l’evento si svolgerà contemporaneamente a Torino, Asti, Alessandria, Biella e Verbania. L’obiettivo è favorire un incontro dall’atmosfera informale tra ricerca e grande pubblico attraverso attività e laboratori ma anche spettacoli teatrali e test prototipici; filò conduttore dell’edizione 2014 sarà la parola “TRACKS” intese come le strade attraverso il mondo della scienza. Durante la serata verrá  inoltre proposta una mostra fotografica per i 60 anni del CERN e ancora l’iniziativa “Caffè scientifici in Radio” di Radio 110 e il Tram del Ricercatori. L’inizio dell’evento è previsto per le 17.00 e, oltre la consueta location di piazza Castello, quest’anno si aggiunge anche il cortile del Rettorato di UnitTo, aperto fino alle 24.

Ultima ma non per questo meno importante, il 27 settembre in collaborazione con gli eventi di Torino Spiritualità, ci sarà la prima edizione della “Notte Bianca della Spiritualità“, nel quartiere di San Salvario, che si animerà dalle 21 fino alle 2 di notte. Il progetto vuole unire mobilità e spiritualità, per scoprire e conoscere meglio i differenti culti e gruppi entici che convivono nel quartiere. Si inizia al Tempio Valdese con una sessione di musica e lettura del Comitato Interfedi, a cui seguirà una serie di concerti di differenti stili. La Sinagoga sarà invece sede di incontri sul contesto ebraico e di una performance dell’attrice teatrale Miriam Camerini. Largo Saluzzo è poi il luogo predisposto per l’afrontaranta, dove si uniranno le culture ritmiche dell’Africa con quelle del sud Italia. Infine la performance interattiva ESTASI, progettata da Torino Spiritualità e Wildflower e ideata da Roberta Lena e Ivan Bert, condurrà i partecipanti in un itinerario in cui l’arte diverrà messaggera di un altro mondo, attraverso le gallerie di San Salvario.

Con i moltissimi temi trattati tra scienza, spiritualità e arte, siamo certi che la Settimana della Cultura riuscirà a soddisfare qualsiasi preferenza, coniugandone le sfaccettature più diverse.

Comments

comments