Il Labirinto della Masone: cultura e arte nel dedalo di Franco Maria Ricci

Paola Boni –

A Fontanellato, in Emilia Romagna, il labirinto più grande del mondo, biblioteca, museo e nuova sede della storica casa editrice Franco Maria Ricci

001_LabirintoAeree_definitiva-969x1024A maggio è nato a Fontanellato, borgo ricco di storia in provincia di Parma, il labirinto più grande del mondo e a realizzarlo è stato Franco Maria Ricci editore, designer, bibliofilo e collezionista d’arte.

Ph: ©Massimo Listri
Ph: ©Massimo Listri

L’opera, nata sopratutto grazie a una promessa fatta allo scrittore argentino Jorge Luis Borges, da sempre affascinato dal simbolo del labirinto come metafora della condizione umana, non è solo un dedalo in cui perdersi e ritrovarsi, ma un luogo elegante fatto di cultura e bellezza che si estende per otto ettari di terreno. A eseguire i sorprendenti edifici è stato l’architetto Pier Carlo Bontempi mentre la geometria del parco è opera di Davide Dutto.

Ph: ©Marco Campanini
Ph: ©Marco Campanini

La forma a stella del labirinto è ispirata a quella classica del labirinto romano (caratterizzato da angoli retti e suddiviso in quartieri, ovvero quattro labirinti intercomunicanti), sebbene alla forma classica siano stati aggiunti bivi e vicoli ciechi. Al suo interno inoltre è presente una cappella (nella quale sarà possibile celebrare cerimonie), a forma di piramide, simbolo dell’antico legame dei labirinti con la Fede, sul cui pavento è raffigurato un labirinto come continuo richiamo tra esterno e interno.

Ph: ©Mauro-Davoli
Ph: ©Mauro-Davoli

Il labirinto però, oltre ad essere un luogo di svago, è anche e soprattutto un luogo di cultura. Al suo interno si trovano infatti una biblioteca e un museo conservanti un patrimonio culturale unico che va dalla grande scultura del ’600 a quella neoclassica, da nature morte con teschi a busti e ritratti dell’epoca di Napoleone, dalla pittura romantica e popolare dell’800 alle eleganze di epoca Déco. Negli edifici, artisti dallo stile forte coabitano con altri, interpreti minori ma fedeli delle forme di una Civiltà.  Vi sono inoltre diversi spazi ristoro di alta qualità atti a valorizzare gli eccelsi primati gastronomici locali e nazionali.

Ph: ©Mauro Davoli
Ph: ©Mauro Davoli

All’interno della struttura del labirinto vi è poi anche la sede della storica casa editrice Franco Maria Ricci che dalla sua fondazione nel 1965, si è fatta conoscere a livello internazionale per la qualità della sua produzione. Tra le sue collane le più celebri sono sicuramente I Segni dell’uomo, La Biblioteca di Babele (curata da Jorge Luis Borges), Quadreria, Morgana, Le guide Impossibili, Art FMR, l’enciclopedia dell’arte di Franco Maria Ricci, nonché la ristampa dell’Encyclopédie di Diderot e d’Alembert, ma soprattutto la più diffusa rivista d’arte del mondo la FMR.

Ristampa enciclopedia di Diderot e DAlambert Ph: ©Archivio Franco Maria Ricci
Ristampa enciclopedia di Diderot e d’Alambert
Ph: ©Archivio Franco Maria Ricci

La casa editrice venne ceduta nel 2004 per finanziare il progetto del labirinto, ma sarà proprio al suo interno che essa rinascerà, riprendendo la stampa della rivista FMR già dal 2016.

Ph: ©Archivio Franco Maria Ricci
Ph: ©Archivio Franco Maria Ricci

Un luogo magico quindi, sicuramente adatto a tutti gli amanti dell’arte e della cultura, ma anche per quelli che desiderano passare una giornata particolare perdendosi nel verde del labirinto più grande del mondo.

Comments

comments