Il tema dell’obiezione di coscienza in “La battaglia di Hacksaw Ridge”

Antonella Cabras –

Mel Gibson torna dietro la macchina da presa con un film inconsueto e molto realistico distribuito dalla Eagle Pictures

BdH-art

La pellicola La battaglia di Hacksaw Ridge segna il ritorno di Mel Gibson da regista dopo ben dieci anni dal suo ultimo film Apocalypto e lo fa per narrare una vicenda sicuramente non nota ai più. Il film è stato presentato fuori concorso alla 73ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e il protagonista Andrew Garfield si è guadagnato col suo ruolo nella pellicola le nomination ai Golden Globe e agli imminenti Oscar come miglior protagonista maschile.

Il Premio Oscar Mel Gibson dirige un film epico sulla storia vera del medico dell’esercito americano, Desmond T. Doss . L’uomo, un obiettore di coscienza che rifiutava l’uso delle armi, fu insignito della Medaglia d’Onore dal Presidente Harry S.Truman per aver salvato da solo con le proprie forze più di 75 compagni durante la brutale battaglia di Okinawa nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

HacksawRidge_MarkRogers-D4-2875 CROP

Si sa che un film attira maggiormente quando racconta eventi realmente accaduti e lo stesso accade per questa pellicola che effettivamente permette allo spettatore di scoprire un personaggio alquanto insolito. “Quando ho sentito la storia di Desmond Doss, il primo obiettore di coscienza a ricevere la Medaglia d’Onore degli Stati Uniti, sono rimasto stupito dalla portata del suo sacrificio”, afferma il regista”. Era un uomo che, nel modo più puro, disinteressato, e quasi inconsapevole, aveva più volte rischiato la propria vita per salvare la vita dei suoi fratelli. Desmond era un uomo del tutto ordinario che ha fatto cose straordinarie”.

HacksawRidge_D8-4765-Edit

Andrew Garfield è stato reputato da subito l’attore perfetto per il ruolo di Doss. “Non ho avuto alcuna esitazione quando ho letto la sceneggiatura“, dice Garfield. “Penso che sia raro, in questo mondo, trovare qualcuno come Desmond”.

HacksawRidge_D20-9321-Edit

Il cast è arricchito dalla presenza di Hugo Weaving nei panni di Tom Doss, il padre di Desmond, che nel bene e nel male ha segnato la vita del ragazzo. Tom è un uomo distrutto, ha perso molti amici durante la Grande Guerra e terrorizza la sua famiglia rifugiandosi nell’alcool. “C’è molto che faccia capire cosa ha portato tutta questa rabbia in Tom“, afferma Weaving. “I suoi difetti sono molto umani. Parla molto a Desmond dei suoi amici che sono morti nella prima guerra mondiale, così che si può percepire un senso di aggressione maschile che passa da una generazione a quella successiva. Per me è un personaggio molto critico all’interno di tutto l’arco del film.

BdH-art (1)

Mel Gibson ha voluto fortemente realizzare questo film anche se il vero Desmond Ross non avrebbe voluto vedere raccontata la sua storia sul grande schermo perché non si è mai sentito un eroe, come invece viene visto dal famoso regista. Proprio però il fatto che il protagonista dell’intera vicenda non si consideri speciale, rende la sua vicenda un piccolo tassello da inserire nella Storia tra le vicende di uomini apparentemente comuni che hanno deciso di andare controcorrente e mostrare al mondo un’altra verità.

Comments

comments