“La La Land”: quando la vita è un musical

Antonella Cabras-

Il 26 gennaio, distribuito dalla 01 Distribution, arriverà il nuovo film di Damien Chazelle: un vero e proprio omaggio ai classici musical hollywoodiani

locandina-la-la-land-low

Il regista Damien Chazelle sarà pure giovane ma ha già riscosso un bel po’ di successi grazie ai suoi ultimi due film, Whiplash e La La Land, due pellicole con al centro il mondo della musica.
Con il primo, nel 2014, ha ottenuto il riconoscimento sia della critica che del pubblico e anche il film in uscita ha già riscosso il plauso della critica: l’attrice protagonista Emma Stone ha ricevuto il premio come miglior attrice alla Mostra del cinema di Venezia ed è stata premiata anche ai Golden Globes insieme al suo partner di scena Ryan Gosling, al regista stesso e al compositore delle musiche Justin Hurwitz.

Ecco la trama in breve: Mia è un’aspirante attrice che, tra un provino e l’altro, serve cappuccini alle star del cinema. Sebastian è un musicista jazz che sbarca il lunario suonando nei piano bar. Dopo alcuni incontri casuali, fra Mia e Sebastian esplode una travolgente passione nutrita dalla condivisione di aspirazioni comuni, da sogni intrecciati e da una complicità fatta di incoraggiamento e sostegno reciproco. Quando iniziano ad arrivare i primi successi, però, i due si dovranno confrontare con delle scelte che metteranno in discussione il loro rapporto. La minaccia più grande sarà rappresentata proprio dai sogni che condividono e dalle loro ambizioni professionali.

Il film è ambientato a Los Angeles, una città dove tutti vanno di fretta e dove i sogni sono soggetti ad infrangersi. Lo sa bene Mia, la dolce aspirante attrice che provino dopo provino perde un po’ la fiducia in se stessa e lo sa soprattutto Sebastian, esasperato dal fatto che nessuno ormai abbia più il tempo né la pazienza di ascoltare il suo amato jazz, uno stile che secondo lui è da ascoltare senza fretta, per poterne godere appieno.

I due protagonisti si incontrano per caso, in mezzo ad un ingorgo stradale e si ritroveranno all’improvviso, condividendo i loro sogni e le loro aspettative, ingurgitati da un sistema che però non perdona: se vuoi il successo non c’è tempo per altro. Il loro avvicinarsi, scoprirsi e innamorarsi avverrà in puro stile musical: il film infatti si compone di svariati pezzi musicali e i due attori si sono messi in gioco cantando e ballando senza controfigure.

L’atmosfera del film sembra fiabesca: è colorata, vivace e incantata. “Per me era importante realizzare un film su due sognatori, su due persone che hanno grandi sogni che li fanno avvicinare, ma che li portano anche a separarsi” dice Chazelle, “Ho sentito che potevano contribuire a rendere questo film sorprendente e a sconvolgere tutte le aspettative. Poi la pellicola elimina tutta quella patina di glamour che in genere si associa a Ryan ed Emma quando sono insieme”.

La pellicola è rivolta specialmente agli amanti del classico musical degli anni ’30 e ’40, quando ad Hollywood impazzavano artisti come Ginger Rogers, Fred Astaire, Gene Kelly e via dicendo. Il film a volte scorre un po’ lento e non tutti i brani hanno facile presa sul pubblico, ma i due protagonisti riescono ad essere accattivanti.

Comments

comments