Mercatini di Natale in Europa, tradizioni e voglia di magia

Federica Spagone in collaborazione con Francesca Palumbo – Foto gentile concessione uffici stampa

La magia del Natale, le sue tradizioni e i suoi sapori rivivono nei migliori mercatini d’Europa, vieni a scoprire i più belli! 

il Mercatino di Natale di Colmar ©Atout France/ Betsch
il Mercatino di Natale di Colmar ©Atout France/ Betsch

Casette di legno, alberi decorati, profumi speziati, luci e colori sgargianti, è questa l’atmosfera magica che ogni anno affascina milioni di persone portandole a visitare i Mercatini di Natale. Sebbene sempre più città italiane si adeguino alla richiesta del pubblico allestendo piccoli mercatini nelle piazze e nei centri commerciali, i più spettacolari hanno origini antichissime; i primi documentati, infatti, risalgono al 1400 e vennero allestiti nei territori compresi tra Germania e Alsazia e successivamente nei territori confinanti.
Riscoprire il fascino delle città d’arte in questo periodo è decisamente consigliato, per poter godere di scenari indimenticabili in cui tradizioni e miti si fondono nelle piazze più suggestive, addobbate a festa.
In Italia, nel periodo dell’Avvento, il Trentino Alto Adige è sicuramente la regione che presenta i mercatini più belli, antichi e tradizionali.

Piazza Walther © Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano
Piazza Walther © Azienda di Soggiorno e Turismo di Bolzano

Uno dei Mercatini più suggestivi, grandi e famosi dell’Alto Adige, risalente agli inizi del 1900, è quello di Bolzano. Nella splendida Piazza Walther, centro della città medievale, sovrastato dal duomo in stile gotico, sorge il “Christkindlmarkt” in cui canti tradizionali accompagnano i visitatori tra le casette di legno, dove vengono venduti esclusivamente prodotti artigianali come addobbi in vetro, legno, ceramica e i tipici loden in lana cotta. Qui i profumi di cannella e di spezie avvolgono il turista invogliandolo a consumare i deliziosi e tipici Zelten, gli Stollen o gli Strudel, sorseggiando un caldo bicchiere di vin brulé. Da non perdere inoltre la visita di Palais Campofranco, storico edificio della famiglia Khuenburg di Caldaro, situato a pochi passi da Piazza Walther. Il palazzo possiede un incantevole cortile interno, che durante il periodo viene addobbato con decorazioni e alberi di Natale, ricreando così la magica atmosfera di un “Bosco Incantato”. Il mercatino è visitabile fino al 6 gennaio 2015 con chiusura il 24 e 25 dicembre 2014 e in tutto il periodo è previsto un fitto cartellone di eventi.

Di grande impatto in Alto Adige spiccano anche i mercatini di Bressanone, Merano, Brunico e Vipiteno. Anch’essi, aperti fino all’epifania, offrono decorazioni maestose, piccole opere d’arte di artigianato locale, dolci e idee regalo, regalando ai visitatori il piacere di vivere le festività secondo le tradizioni locali culinarie e culturali.

Spostandoci nell’area Trentina, Levico Terme, nella Valsugana, unisce al divertimento senza età del mercatino, la possibilità di rilassarsi alle fonti termali e di sciare sulle attrezzatissime piste a disposizione. Il Mercatino di Natale, prende vita nella splendida cornice del Parco secolare degli Asburgo, un’oasi naturale che in questo periodo accoglie le tradizionali casette di legno tra gli alberi ricoperti di neve. I più piccoli potranno accarezzare gli animali della fattoria, incontrare Babbo Natale e visitare il Bosco degli Elfi. Nel centro storico, sarà inoltre possibile ammirare il suggestivo allestimento di “El Presepe vizin a cà“, una tradizionale mostra che accoglierà oltre cento presepi di artigianato locale e nazionale. Il mercatino e la mostra sono visitabili fino al 6 gennaio 2015. 

Nella zona ma sulle Dolomiti, degno di nota è sicuramente anche il “Mercatino Magnifico” di Cavalese, allestito nei giardini dello storico palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme, che a differenza di altri, si sviluppa attraverso un percorso culturale e folkloristico declinando lo scorrere delle giornate di visita con mostre e laboratori dedicati al legno, alla lana, alle erbe officinali e ad altre branche dell’artigianato locale. Altrettanto importante è il mercatino di Trento situato in Piazza Fiera e Piazza Cesare Battisti. Le casette in legno, immerse nel suggestivo scenario delle antiche mura cittadine, offrono, oltre ai tradizionali addobbi e all’artigianato, ghiotte specialità gastronomiche come la “treccia mochèna”, la “polenta brustolada” e il “parampampoli” (una bevanda alcolica servita alla fiamma, tipica della Valsugana a base di caffè, grappa, vino, zucchero, miele e spezie).

Graz, piazza del Municipio, zona Hauptplatz ©Graz Tourismus/Foto-Fischer
Graz, piazza del Municipio, zona Hauptplatz ©Graz Tourismus/Foto-Fischer

Ci lasciamo alle spalle l’Italia per raggiungere la vicina Austria e i Mercatini di Graz, ben dodici, capaci di trasformare la città della Stiria nella magica location di una favola natalizia. L’attenzione è rivolta principalmente ai bambini in piazza Karmeliterplatz con il Winterworld, dove potranno svolgere tantissime attività a loro dedicate e in compagnia dei più grandi, pattinare su ghiaccio lungo la pista ampia 600 metri quadrati. Dedicato ai più giovani è anche il Kapistran-Pieller-Platz (zona Kleine Neutorgasse), in cui attrazioni come la ruota panoramica, il pupazzo di neve gigante e il trenino delle favole, allieteranno le giornate. Qui sarà possibile gustare anche il tipico dolce fatto di zucchero e albume montato a neve, chiamato “Schaumbecher“, amato anche dagli adulti. Di particolare interesse è la via dei presepi che conduce allo splendido Presepe di Ghiaccio nel cortile del Landhaus. Tra le location più caratteristiche, ricordiamo anche quella della piazza del Municipio (zona Hauptplatz), in cui il padiglione centrale offre spazio a manifestazioni e spettacoli di ogni genere. Qui sarà possibile degustare il tipico vin brulé al rum chiamato “Feuerzangenbowle”. Il mercatino sarà visitabile fino al 24 dicembre. 

la via centrale di Innsbruck Maria-Theresien-Strasse ©Innsbruck Tourismus
la via centrale di Innsbruck Maria Theresien Strasse ©Innsbruck Tourismus

Rimaniamo in Austria per visitare la città di Innsbruck che accoglie nel suo pittoresco centro storico di origine medievale, sei mercatini eccezionali. Il mercatino più tradizionale viene allestito di fronte al simbolo della città: il suggestivo Goldenes Dachl letteralmente Tettuccio d’Oro, un erker tardogotico che sorge sulla facciata del Neuer Hof, l’antico palazzo dei conti del Tirolo, il cui tetto è ricoperto di 2.657 scandole di rame dorate a fuoco. Qui oltre alle 70 scintillanti bancarelle, potranno essere ammirate anche la piattaforma panoramica,  il vicolo delle fiabe e dei giganti e soprattutto l’imponente albero di Natale (visitabile fino al 23 dicembre). Degno di menzione in città anche il Mercatino di Natale nella centralissima via Maria Theresien Strasse, che risplende illuminata da un mare di luci, vetri e cristalli grazie ai scintillanti alberi luminosi. Qui le 30 bancarelle propongono un’irresistibile varietà di idee regalo internazionali e ogni sorta di delizie gastronomiche. (visitabile fino al 6 gennaio). Da non dimenticare anche il Mercatino di Natale nella Marktplatz dedicato alle famiglie, dove oltre alle 60 bancarelle, il teatro del burattini, l’ora delle fiabe, la cavalcata dei pony, lo zoo delle carezze e la nostalgica giostra a cavalli faranno felici i più piccoli, mentre l’enorme albero di Natale in cristallo Swarovski (alto ben 14 metri e coronato, da una grande stella decorativa), catturerà gli sguardi e l’ammirazione dei più grandi (visitabile fino al 23 dicembre).

Salisburgo, Hellbrunn ©Tourismus Salzburg
Salisburgo, Hellbrunn ©Tourismus Salzburg

Prima di lasciare l’Austria consigliamo la visita di Salisburgo, in cui l’Avvento è senza dubbio uno dei periodi più belli per ammirare la città, poiché i palazzi e i monumenti barocchi, che danno alla città il suo aspetto caratteristico, si trasformano in meravigliose scenografie natalizie grazie alla neve. Uno dei mercatini di Natale più antichi e suggestivi di Salisburgo, che ne ospita moltissimi, è quello sulla Domplatz, davanti al Palazzo Mirabell. Di grande impatto anche il mercatino ospitato nel cortile del Castello di Hellbrunn, nei pressi dei magnifici giochi d’acqua, che regala un’atmosfera fiabesca con i suoi 400 alberi decorati con 13.000 sfere rosse e ghirlande luminose, che si alternano alle bancarelle di prodotti artigianali di alto livello (visitabile fino al 24/12).

Caldamente consigliata anche la visita a Vienna, in cui i luoghi più belli della città, si trasformano in suggestivi mercatini di Natale: la Piazza di fronte al Municipio accoglie così 150 bancarelle e poi ancora il MuseumsQuartier viene illuminato da spettacolari proiezioni degli artisti Fritz Fitzke und Lichttapete in un ambiente decisamente moderno in cui si possono acquistare oggetti di design.

Dresda, la piramide natalizia ©Tourismus Germany/Messerschmidt, Joachim
Dresda, la piramide natalizia ©Tourismus Germany/Messerschmidt, Joachim

Raggiungiamo quindi la Germania e lo Striezelmarkt di Dresda, uno dei mercatini di Natale più grande e antico del Paese, famoso per la sua piramide natalizia alta ben 14 metri (la più grande al mondo).  Molto belli e adatti ad adulti e piccini, la casa degli Pflaumentoffel, la casetta di panpepato, la casa delle fiabe, la pasticceria di Natale, il cinema degli gnomi e il teatro delle marionette vicino al calendario dell’Avvento. Il programma di eventi è particolarmente ricco e spicca su tutti la festa dello Stollen in cui un lunghissimo dolce sfila dal palazzo dello Zwinger fino al mercatino di Natale, dove viene tagliato e distribuito in un gioioso clima di festa (da qui il nome del mercatino poiché la versione cittadina dello Stollen, è chiamata appunto Strietzel). Il mercatino è visitabile fino al 24/12.

Norimberga ©Deutsche Zentrale für Tourismus e.V./Cowin, Andrew
Norimberga ©Deutsche Zentrale für Tourismus e.V./Cowin, Andrew

Un altro mercatino particolarmente famoso e apprezzato dello stato è quello del Gesù Bambino di Norimberga, celebrato nella piazza Hauptmarkt. Si tratta della città di Natale per antonomasia con la sua atmosfera medioevale decisamente da fiaba, in cui i concerti natalizi e dell’Avvento vengono celebrati nelle numerose chiese e la mostra tradizionale dei presepi viene presentata nella Chiesa barocca di St Egidien e nel vicolo Spitalgasse. Qui dominano anche i sapori della tradizione con il panpepato originale, le salsicce arrostite tipiche e la più grande punch Feuerzangenbowle del mondo. L’Avvento dei bambini sulla piazza Hans-Sachs-Platz, il mercatino delle città gemellate nella piazza del municipio, gli stand degli artigiani nella corte Handwerkerhof, la processione delle luci fino alla fortezza e le escursioni con le carrozze postali, fanno di questo mercatino una kermesse imperdibile (visitabile fino al 24 dicembre).

Mercatino di Natale di Stoccarda ©Stuttgart Marketing GmbH
Mercatino di Natale di Stoccarda ©Stuttgart Marketing GmbH

Rimaniamo in Germania, con il mercatino di Stoccarda anch’esso amato e conosciuto dai turisti, che trasforma la città in un vero e proprio festoso “villaggio di Babbo Natale” con oltre 280 stand addobbati con cura e in modo originale. Qui sarà possibile gustare il famoso dolce Stuttgarter Hutzelbrot e nel mercatino finlandese, il pesce Flammlachs, il tipico piatto di carne Rentiergeschnetzeltes e il Glögi, il vin brûlé realizzato con le bacche, riscaldandosi davanti al fuoco. L’allestimento affascinante con il presepe vivente e l’enorme schiaccianoci, renderanno l’atmosfera ancora più magica e i concerti sulla scalinata del municipio e nel cortile interno dell’antico castello, riscalderanno i cuori di adulti e piccini (visitabile fino al 23/12).

i mercatini e l'imponenete Albero di Ntale a Strasburgo ©Atout France
i mercatini e l’imponente Albero di Natale a Strasburgo ©Atout France

Giungiamo infine in Francia, nella regione dell’Alsazia per ammirare il mercatino di Strasburgo, il Chriskindelsmarik in Place Broglie, la cui prima edizione risale al 1570, che oggi conta oltre 300 stand divisi tra l’originaria piazza e altre 10 meravigliose location. In una di queste svetta il grande e bellissimo abete che sfiora i 30 metri di altezza. Una leggenda, confermata da una cronaca del 1605, narra che la tradizione dell’albero di Natale sia nata proprio qui, quando i cittadini portavano in casa degli abeti per ornarli con rose di carta multicolori e oggetti luccicanti. Presso gli stand gastronomici le prelibatezze sono tantissime, tra cui: i tradizionali Bredle, biscotti natalizi alsaziani al burro, insaporiti con cioccolato, anice, caramello, mandorle, zenzero o frutta, il fois gras, il Choucroute (piatto a base di maiale e crauti), il pain d’épices a base di miele, zucchero e cannella, i Kougelhopf (ciambelloni), i Maennelle (omini fatti di pasta brioche decorata) e le famose Pommes d’Amour (il mercatino è visitabile fino al 31/12).

Colmar ©Atout France / Zvardon
Colmar ©Atout France / Zvardon

L’ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta dei mercatini natalizi europei, è la città alsaziana di Colmar, definita la città delle luci, per le sue scintillanti e artistiche luminarie che formano il cosiddetto “percorso della luce”, che accompagna il visitatore alla scoperta dei 5 mercatini di Natale presenti. Uno dei più suggestivi è sicuramente quello nel quartiere Petite Venise, interamente dedicato ai bambini, dove sarà possibile acquistare giocattoli, ammirare il presepe meccanico animato, una gigantesca cassetta delle lettere per scrivere a Babbo Natale e i caratteristici cori delle voci bianche. Di grande impatto anche il mercatino di Place des Dominicains in cui si respira un’atmosfera decisamente spirituale grazie alle splendide vetrate della chiesa dei Domenicani del XIV secolo, che sorge proprio nella piazza. Qui si potranno acquistare esclusivi articoli in legno e idee regalo realizzate con materiali naturali (visitabile fino al 31 dicembre).

I mercatini d’Europa regalano emozioni grazie ad allestimenti suggestivi e location mozzafiato, resta quindi solo l’imbarazzo della scelta per tuffarvi nella magia del Natale!  

Comments

comments