Mystery House – enigmi e misteri nel cuore di Torino

Redazione – 

Avventura, misteri ed enigmi nel nuovo gioco che fa impazzire Torino! Accetti la sfida?  

LOGO neroFrugare, cercare, rivoltare, scoprire, ragionare, collegare… hai 60 minuti per entrare in un altro mondo e uscirne con il suo segreto. Accetti la sfida?

Queste le premesse di “Mystery House”, una Room Escape in stile europeo, sorta nel pieno centro di Torino, in Via Po 30.

Nate all’estero nel 2006, le prime Room Escape prevedevano come unico obiettivo il fuggire da una stanza (da cui il nome del gioco), ma col passare degli anni si sono evolute, presentando ai partecipanti obiettivi sempre più complessi come trovare un oggetto, svolgere un compito, risolvere un mistero e ricostruire una storia. Nelle Room Escape moderne, infatti, ogni stanza racconta una storia ed è quindi ambientata di conseguenza.

fade02

Proprio questo approccio innovativo caratterizza l’esperienza di Mystery House, che presenta ben tre ambientazioni ricche di enigmi da decifrare in un mix di pathos e adrenalina.  

Il Segreto del Faraone” è la stanza composta da più locali connessi tra loro e presenta un tema decisamente vicino alla città piemontese, che ospita il famosissimo Museo Egizio. In quest’avventura, in una corsa contro il tempo, i giocatori dovranno unire le forze e indagare insieme per risolvere il mistero legato alla longevità di un famoso Faraone. Lo studio di un archeologo Tedesco è il palcoscenico di questa emozionante indagine.

La Bomba e la spia” immergerà, invece, i giocatori in un’ambientazione più adrenalinica: I partecipanti verranno, quindi, trasportati in una spy story in piena regola, proprio come quelle del grande schermo (ed ecco nuovamente un riferimento esplicito a un altro dei bellissimi musei della città, il Museo del Cinema). In questo caso, i giocatori non solo dovranno fuggire dalla stanza in cui sono imprigionati ma, anche disinnescare la bomba che si trova al suo interno.

Il Virus” che aprirà le prenotazioni il 21 aprile, sarà basata sulla ricerca di un antidoto per scongiurare una pericolosa epidemia, trasportando i giocatori in un vero e proprio scenario apocalittico degno dei film di Romero. 

Le Room Escape di Mystery House sono adatte a tutta la famiglia ma, per riuscire a completarle, sarà necessario impegnarsi.
Una volta entrati nella stanza, i giocatori (da un minimo di due 2 a un massimo di 8), dovranno risolvere una serie di sfide presentate sotto forma di enigmi di tipo logico e deduttivo (il gruppo dovrà osservare gli indizi, maneggiarli, discuterne e comprenderne il significato). Non mancheranno anche enigmi di tipo meccanico (contrappesi, elementi mobili, doppi fondi, ecc.), o che prevedono l’uso di oggetti nella stanza. Nulla è lasciato al caso e l’ambientazione, insieme agli enigmi, riuscirà a regalare al partecipante un’esperienza completamente immersiva.

fade03Per scoprire i restroscena di questa nuova attrazione torinese, abbiamo incontrato i suoi creatori:

Da dove nasce l’idea del progetto Mystery House? I giochi e gli enigmi sono una vostra passione?
L’idea del progetto è nata dall’esperienza personale di una di noi, Marta Colangelo, che in vacanza in Europa con la famiglia, ha sperimentato in prima persona quanto, partecipare a una Room Escape, fosse un’attività divertente e trasversale. Nel corso del viaggio ha anche capito quanto fossero diffuse. Tornata a Torino ce ne ha parlato ed abbiamo deciso di provarci, visto che allora non erano ancora molto presenti in Italia. E’ evidente che deve esistere non solo la passione ma anche la propensione agli enigmi e ai giochi per poter creare una Room Escape. C’è però una differenza sostanziale con le altre: nelle nostre stanze non si è chiusi dentro, l’obiettivo è far vivere la storia della stanza e stimolare i partecipanti a risolverne il mistero“.

Come fate a scegliere l’ambientazione per una vostra Room Escape?
Per le ambientazioni della nostra Mystery House, abbiamo subito preso una decisione importante: volevamo che almeno le prime stanze avessero un legame diretto e concreto con la città. Di conseguenza, la presenza del Museo Egizio, secondo per importanza al mondo dopo quello del Cairo, ci ha spinto a immaginare Il Segreto del Faraone come tema della prima stanza, mentre, per la seconda abbiamo pensato ad una storia che colleghi la nostra stanza ad alcuni film famosi girati in città, primo fra tutti Profondo Rosso. Ma non sarà solo cinema… bisognerà evitare che una bomba esploda. Infatti si chiama La Bomba e la Spia“.

fade04Cosa consigliate a un gruppo di partecipanti che si avvicina per la prima volta a una Room Escape?
E’ un bel gioco di squadra, molto divertente ma anche intelligente. Non bisogna farsi prendere dall’ansia del tempo – tutto si risolve in 60 minuti – ma bisogna dare spazio alla propria curiosità e al proprio intuito. Tutti i nostri giocatori, anche quelli che non sono riusciti ad arrivare fino in fondo, escono sicuramente soddisfatti e contenti di aver accettato la sfida ed essersi messi in gioco“.

L’esperienza Mystery House è adatta a tutta la famiglia, ma anche a tutte le occasioni? Realizzate anche esperienze personalizzate se un gruppo lo richiede?
E’ sicuramente un’esperienza adatta a tutti, anche se naturalmente il livello di difficoltà può variare. I motivi per giocare in una Room Escape sono molteplici, dal puro divertimento ai festeggiamenti per un compleanno (sia di adulti, ma anche e soprattutto di bambini e ragazzi), all’occasione per celebrare tra amici un futuro nuovo inizio come un matrimonio. Abbiamo, infatti, accolto diversi gruppi che hanno scelto la nostra esperienza per celebrare l’addio al nubilato o al celibato. Inoltre, le feste di compleanno dei più giovani, si differenziano per età e si articolano in questo modo: gli adolescenti, organizzati dai genitori, vengono a fare la vera e propria festa e nel mentre giocano nelle stanze. Mentre, per i ragazzi tra i gli 8 e i 13 anni abbiamo predisposto una modalità semplificata di gioco che consente loro l’accesso a due stanze su tre (Faraone e Virus), mentre i genitori possono organizzare la festicciola negli spazi comuni o, se i gruppi sono piccoli, giocare a loro volta in parallelo nella stanza rimasta libera.
Tuttavia, le nostre stanze sono anche ottime per attività di vera e propria formazione e Team Building: molte aziende ci hanno già scelto e tante altre hanno prenotato per i mesi successivi proprio perché la nostra offerta si presta molto alle loro esigenze.
Infine, stiamo stringendo degli accordi con alcuni Tour Operator Incoming per l’offerta di pacchetti turistici, così da poter soddisfare anche le esigenze dei turisti in visita nella nostra città.
Nella nostra struttura riusciamo far giocare in parallelo fino a 24 persone mantenendo libero lo spazio comune attrezzato con tavoli e sedie
.

Mystery House vi aspetta nel cuore di Torino, riuscirete a scoprire il mistero del Faraone, a disinnescare la bomba e a scongiurare un virus letale? 

Comments

comments