Outlander: un viaggio nel tempo tra mistero, sentimenti e avventura

Michele Li Noce –

La Starz ci propone una serie TV tratta dal ciclo di romanzi di Diana Gabaldon ora in onda sulla rete Fox Life (Sky). Vorresti vivere in un’altra epoca? Usa l’hashtag #timetravel e raccontaci quale periodo ti affascina di più

Claire all'interno del misterioso cerchio megalitico che da inizio al suo viaggio nel tempo.
Claire all’interno del misterioso cerchio megalitico che dà inizio al suo viaggio nel tempo.

Outlander è la serie Starz creata da Ronald D. Moore e basata sul ciclo di romanzi “La saga di Claire Randall” o “Outlander series”, scritto da Diana Gabaldon che ha anche fornito la sua consulenza per la realizzazione della serie.

Claire Randall con il marito Frank. Infermiera lei, ufficiale inglese lui.
Claire Randall con il marito Frank. Infermiera lei, ufficiale inglese lui.

Alla fine della seconda guerra mondiale, l’infermiera Claire e il marito, l’ex ufficiale inglese e professore universitario Frank Randall, si trovano nelle Highlands scozzesi per trascorrere una seconda luna di miele e condurre al contempo delle ricerche storiche legate al passato dei Randall e alla storia della Scozia.

La scozia del 1743 non è un luogo semplice anche per una donna forte come la protagonista.
La Scozia del 1743 non è un luogo semplice anche per una donna forte come la protagonista.

Nei pressi del villaggio che li ospita, esiste un circolo di pietre megalitiche chiamato “Graigh na dun”. La coppia assiste per caso a una strana cerimonia notturna di chiara derivazione celtica, intorno al cerchio di pietre. Claire, incuriosita dal cerchio e da quanto visto nella notte, vi torna il giorno dopo ed è qui che accade l’incredibile: toccando la pietra centrale, Claire viene catapultata indietro nel tempo, risvegliandosi nella Scozia del 1743. Iniziano qui le vicende della giovane donna, costretta a dar fondo a tutto il suo coraggio e il suo equilibro mentale per sopravvivere in un’epoca selvaggia e sanguinosa, scossa dai tumulti di ribellione della Scozia dal predominio inglese.

La serie, ben scritta per la televisione da Moore (Star Trek Deep space nine, Star Trek Voyager, Battlestar Galactica), ci regala personaggi di forte impatto e ben caratterizzati a partire dalla protagonista Claire Randall interpretata da Catriona Balfe, la modella e attrice irlandese, si è calata perfettamente nel personaggio in perenne lotta per non morire e con il segreto desiderio di tornare dal marito Frank. Ci è piaciuta la sua interpretazione semplice e senza particolari eccessi, ma che trasmette allo spettatore ogni più piccola emozione di Claire, costretta in un mondo non suo e in un epoca lontana e senza alcun conforto se non la propria forza d’animo.

Sam Heughn è Jamie Frasier, scozzese che ha duramente subito il predominio inglese anche a livello fisico.
Sam Heughn è Jamie Frasier, scozzese che ha duramente subito il predominio inglese anche a livello fisico.

Durante la sua obbligata permanenza nella Scozia del diciottesimo secolo, Claire è costretta dagli eventi a vivere con il forte clan dei McKenzie, stanziato nel castello di Leoch, visitato prima del salto temporale con il marito Frank. Qui fa la conoscenza di Jamie Frasier, affascinante uomo con il quale lega in modo particolare. Frasier, interpretato dall’attore scozzese Sam Heughan, è un personaggio più complicato di quanto si possa pensare. Intuisce in un certo senso la diversità della Randall, ma non ne è impaurito, al contrario attratto, forse anche per il carattere decisamente più indipendente della donna confrontato con quelle dell’epoca.

Jonathan Randall, avo di Frank interpretati entrambi da Tobias Menzies.
Jonathan Randall, avo di Frank interpretati entrambi da Tobias Menzies.

Completa il cast principale Tobias Menzies, attore inglese che interpreta il doppio ruolo di Frank Randall, marito di Claire e quello del sanguinario ufficiale inglese Jonathan Randall, avo dello stesso Frank. Menzies è sicuramente l’attore più conosciuto del trio di protagonisti. Gli amanti della serialità non faticheranno a ricordarlo in “Game of Thrones” nel ruolo di Edmure Tully e ancora più recentemente come Nathaniel Bloom in “Honourable Woman”

Catriona Balfe, interpreta ottimamente Claire Randell, la protagonista assoluta della vicenda.
Catriona Balfe, interpreta ottimamente Claire Randell, la protagonista assoluta della vicenda.

Dal punto di vista di pubblico e critica, assistiamo a un positivo accoglimento da parte di entrambi che trovano la serie un perfetto adattamento del ciclo letterario della Gabaldon, grazie forse alla consulenza di quest’ultima nella stesura della vicenda. Tra le note più positive, l’ottima selezione del cast e la particolare alchimia che si respira dentro le vicende narrate. Molte testate come Huffington Post, Entertainment Weekly hanno lodato la serie definendola tra l’altro: “Capolavoro di una profondità eccezionale“.

Jamie e Claire in una scena tratta dalla prima stagione.
Jamie e Claire in una scena tratta dalla prima stagione.

Per noi si tratta di una riuscita trasposizione, che offre anche allo spettatore meno abituato al genere, interessanti spunti che finiscono per affascinarlo e trascinarlo dentro il vortice ben miscelato di emozioni forti come odio, amore, paura, uniti a storia, mistero e fantasia. Il cast perfettamente amalgamato fornisce un’ottima prova corale. Citiamo in particolare Catriona Balfe e Tobias Menzies che interpretano obiettivamente i ruoli più complicati dell’intera vicenda in modo forte e convincente, donando allo spettatore lo spirito più profondo della serie TV.

Claire è ospite dei McKenzie, potente clan scozzese governato da Colum e Dougal.
Claire è ospite dei McKenzie, potente clan scozzese governato da Colum e Dougal.

La prima stagione formata da 16 episodi è attualmente in onda negli Stati Uniti e in Italia grazie al canale Fox Life (tutti i lunedì alle 21.55), mentre la Starz ha già annunciato una seconda stagione, probabilmente da 13 episodi. Il materiale letterario non manca di certo visto che del ciclo di Claire Randall, sono usciti ben 8 volumi tra il 1991 e il 2014.

Una serie sicuramente da non perdere, che tratta in modo inusuale il tema dei viaggi nel tempo!

Per questo vi chiediamo: se anche voi aveste la possibilità di viaggiare nel tempo come la protagonista Claire, in che epoca vorreste vivere? Quale periodo storico vi affascina in modo particolare? Commentate qui o nei nostri canali Twitter (@The_Living_News ) e Facebook utilizzando l’hashtag #timetravel. Vi aspettiamo numerosi!!

Comments

comments

One Comment