Serie tv del 2014, il punto della situazione: chi ci lascia e chi rinnova?

Michele Li Noce –

Quali nuove serie iniziate nel 2014 sono riuscite a colpire pubblico e critica e quali sono invece naufragate a poche puntate dall’inizio? Vediamo le principali

2014series12Con il 2014, tutti i maggiori network americani, incluse le reti via cavo e on demand, hanno lanciato sul mercato tv decine di produzioni. Molto spesso critica e pubblico hanno avuto visioni diametralmente opposte nel giudicare le serie tv con risultati spesso disastrosi. In termini generali è stata una grossa debacle per quasi tutte le nuove comedy che si sono affacciate sugli schermi televisivi.
“Bad Judge”, l’interessante tentativo NBC di rendere Kate Walsh un’attrice comica e brillante, dopo le convincenti prove drammatiche in “Grey’s anatomy” e “Private practice”, è miseramente naufragata di fronte allo scoglio degli ascolti e del gradimento. La serie è stata cancellata a fine ottobre anche se verranno messe in onda le restanti puntate registrate della prima stagione (13 episodi).

2014series1
Stessa sorte per “A to Z” sempre di casa NBC che racconta le vicende di Andrew e Zelda conosciutisi durante un internet dating. Anche qui pareri critici positivi ma purtroppo scarsissimo riscontro di pubblico.

2014series2
“Manhattan love story” detiene il triste primato di prima nuova serie del 2014 cancellata dopo nemmeno un mese dalla messa in onda. L’ABC ha deciso di chiudere la sitcom quasi subito infatti. TVNZ la tv neozelandese con il supporto di “Hulu” la rete online, ha prodotto e trasmesso i restanti episodi permettendo la chusura dei 13 episodi della prima e ultima stagione. In questo caso la critica e il pubblico si sono trovati concordi nell’affondare senza molti tentennamenti questa comedy.

2014series3
L’ elenco delle comedy chiuse prosegue con “Selfie”, cancellata sempre da ABC nel novembre 2014 e salvata almeno per la messa in onda a completamento  della prima stagione (13 episodi) da “Hulu”.
Chiusa anche la comedy con le ex ragazze di Beverly hills 90210 Jenny Garth e Tori Spelling “Mystery Girls”, dopo appena 10 episodi, senza rimpianti né da parte della critica né da parte del pubblico.
Passando ai drama, possiamo dire che il numero di proposte era qualitativamente molto elevato, ma anche qui le cancellazioni sono fioccate e in alcuni casi le produzioni non sono nemmeno arrivate alla messa in onda. Parliamo di “Hyerogliph”, la produzione Fox ambientata nell’antico Egitto e che a metà giugno del 2014 è stata cancellata senza nemmeno aspettare il giudizio del pubblico. In origine erano state ordinate 13 puntate e in rete era già circolato un convincente trailer che faceva ben sperare, ma purtroppo almeno per il momento, FOX non ha intenzione di mettere in onda la serie. Confidiamo nel coraggio delle reti cable e on demand.

Anche “Emerald City”, serie TV ispirata alla saga del mago di Oz, non arriverà al pubblico perché cancellata dal palinsesto NBC. L’Universal series, malgrado tutto, crede fortemente nel progetto e ci auguriamo che anche in questo caso si arrivi alla messa in onda magari con un altro network.

2014series6

Anche “Red Band Society”, il nuovo teen drama in onda su Fox non è riuscito ad andare oltre i 10 episodi, venendo cancellato a fine novembre 2014.
Sebbene sia avvenuta dei primi del 2015, citiamo anche la cancellazione (ancor prima della messa in onda), di “The After” la serie tv creata dall’inventore di X-files, Chris Carter. A quanto sembra Amazon non ha creduto fino in fondo nello show, decretandone la chiusura malgrado la garanzia di qualità che il nome di Carter portava con se.

2014series5
Passando alle serie in bilico e per le quali non è stato ancora delineato un destino, troviamo in vetta “Costantine”. La serie, ispirata al fumetto “Hellblazers” della DC Comics, dopo un positivo inizio ha subito un deciso tracollo tra la prima e la seconda puntata, passando dagli oltre 4 milioni ai 3 milioni (quindi oltre 1 milione di spettatori in meno che in questi termini non sono pochi), per poi restare in questa media decisamente bassa per le aspettative NBC. Al momento in cui scriviamo, non è stata decisa la sorte della serie ma se i numeri restano gli stessi e la vendita all’estero dei diritti non dovesse essere positiva, il futuro di questa produzione non si prospetta roseo.

Il cast fisso di Costantine.
Il cast fisso di Costantine.

Un discorso diverso, ma che non preclude la possibile cancellazione, si può fare per “Forever”, l’ottima serie interpretata da Ioan Gruffudd e Alana Delagarza, che è riuscita a ottenere il completamento della season 1 con 22 episodi e che malgrado lo spostamento di palinsesto si sta comunque difendendo bene, con ascolti non esaltanti ma stabili se non addirittura in lieve ripresa. Non conosciamo il suo futuro anche se troviamo incoraggiante il proseguimento per la stagione piena e gli incoraggianti riscontri di critica e pubblico. Staremo a vedere.
Qualche lettore inizierà a chiedersi quali nuove serie del 2014 hanno in tasca il rinnovo per un’altra stagione e sebbene solo pochissime hanno l’assoluta certezza, di altre, i rumors sono molto positivi.
Passiamo dunque alle buone notizie e partiamo con la serie “The Knick”, il drama ospedaliero di Steven Soderbergh ambientato nei primi del 900 a New york, che ha già la certezza di una seconda stagione da 10 episodi. Possiamo dire altrettanto per due serie horror come “The Strain” di Guillermo del Toro che ha appassionato moltissimo il pubblico facendo scoprire ai fans attori come Kevin Durand e “Penny Dreadful” la serie horror gotica con Timothy Dalton e Eva Green. E’ quasi sicuro, ma non ancora certo, il rinnovo anche per la serie investigativa/legale prodotta da Shonda Rhymes “How to get away with murder” trasmessa dalla rete ABC. Rinnovata al 90% anche “Gotham”, il prequel di Batman, con protagonista un giovane Jim Gordon alle prese con i futuri nemici del Cavaliere Oscuro.

Buone notizie anche per la serie drammatica ambientata nei corridoi del potere di Washington “Madam Secretary” con Thea Leoni e per “The mysteries of Laura” la serie investigativa con Debra Messing. Per entrambe pare che le porte di una seconda stagione siano quasi schiuse con qualche dubbio più sulla seconda che sulla prima.

204series9

Passiamo a quelle già rinnovate da alcuni mesi: sappiamo da tempo che “The last ship” la serie catastrofista TNT ha avuto un rinnovo meritato per Eric Dane e Rhona Mithra.

Rinnovo in tasca anche per la nuova sezione “NCIS di New Orleans” con protagonista Scott Bakula che quindi centra un traguardo invidiabile con ben 2 spin off attivi e di successo attualmente in onda sulle reti americane e mondiali. Non male per la saga NCIS, nata essa stessa come spin off di “JAG avvocati in divisa”.

Una serie nata senza grossi strombazzamenti di media, si è conquistata quasi sicuramente il rinnovo basando il successo sulla forza della storia e dei suoi protagonisti. Parliamo di “Scorpion” che con le sue vicende a metà strada tra l’action e il thriller informatico ha convinto pubblico e critica.
Stesso discorso possiamo farlo per “Stalker” l’ottimo drama investigativo/psicologico interpretato da Dylan McDermott e Maggie Q ha ottime possibilità di avere una seconda stagione dopo l’allungamento della prima e la nominaton di Dylan McDermott a miglior attore di serie drammatica ai recenti “People’s Choice Awards”.

2014series10
Rinnovo in tasca anche per “Legends” la serie drammatica e d’azione TNT con protagonista Sean Bean nei panni dell’agente sotto copertura Martin Oddum alla ricerca di se stesso.
Restando in casa TNT confermata per una seconda stagione la serie poliziesca “Murder in the first”, strutturata per seguire un singolo caso a stagione.
Seconda stagione certa anche per il drama di fantascienza prodotto da Steven Spielbeg e interpretato dal Premio Oscar Halle Berry, “Extant”. In questo caso il rinnovo è stato determinato più dalla vendita dei diritti all’estero che dall’effettivo successo della stessa.
Rinnovo certissimo o quasi anche per la serie supereroistica “The Flash”Barry Allen e compagnia hanno ottenuto la promozione con una stagione intensa e adrenalinica che ha colpito nel segno.

204series8
Tirando le somme, il 2014 è stato un anno ricco di novità ma anche di numerosi insuccessi. Il pubblico americano risulta a volte difficile da interpretare per noi europei. I network si sono impegnati nel fornire una gamma di scelte capaci di soddisfare un pubblico più ampio possibile, ma la famigerata fascia di ascolto tra i 18/49 ( a dispetto di sondaggi e scelte di marketing), è ancora in grado di spiazzare gli esperti che investono milioni in un progetto televisivo. D’altronde fare TV di successo e di qualità non è ancora una scienza esatta.

Il 2015 porterà moltissime novità che aspettano impazienti di buttarsi nell’agone televisivo. Ve ne parleremo molto presto.

Comments

comments

One Comment