Shooter, la serie prodotta da Mark Whalberg che convince

Michele Li Noce –

Il noto attore scommette sul successo di questa serie tanto da produrla. Abbiamo visto il pilot e ha convinto anche noi

shoot10Netflix si sa è una continua fonte di sorprese e novità. Recentemente, con la tecnica dell’episodio a settimana, è possibile seguire “Shooter”  una serie ispirata alla pellicola del 2007 con protagonista Mark Whalberg. Lo stesso attore americano ha accolto con entusiasmo l’idea di serializzare il film con una serie TV che ripercorresse le tracce del film, ma sviluppando maggiormente alcuni aspetti lasciati fuori dalla trasposizione sul grande schermo.

La vita serena e lontano dai guai, sta per finire per Swagger.
La vita serena e lontano dai guai, sta per finire per Swagger.

La serie è un action thriller di genere cospirazionista, tratto dal romanzo di Stephen Hunter, “Point of Impact” tradotto in Italia con il titolo “Una pallottola per il presidente”. Bob Lee Swagger (Ryan Phillippe) è un tiratore scelto in congedo che si gode la sua famiglia formata dalla moglie Julie (Shantel VanSanten) e la figlia, immerso nel silenzio di una natura selvaggia e quasi incontaminata.

Omar Epps è il colonnello Isaac Johnson
Omar Epps è il colonnello Isaac Johnson

Isaac Johnson (Omar Epps), suo superiore, lo scova per chiedergli di indagare su un possibile attentato al presidente da parte di un misterioso cecchino ceceno, reo di aver ucciso in azione di guerra, l’amico Donnie. Purtroppo è tutto un complotto per intrappolare Swagger ordito dallo stesso Johnson. Inizia così per Bob la lenta caccia ai veri colpevoli. L’unica a credere al nostro cecchino è la detective FBI Nadine Memphis (Cintyhia Addai-Robinson).

Ryan Phillippe è Bob Lee Swagger, tiratore scelto e vittima di un complotto internazionale.
Ryan Phillippe è Bob Lee Swagger, tiratore scelto e vittima di un complotto internazionale.

Ad assumere il ruolo di Bob Lee Swagger è stato chiamato, come detto, l’attore Ryan Phillippe, un attore non di primissimo livello, ma con alle spalle diverse esperienze minori. Serviva un attore maturo che evidenziasse esperienza e freddezza, e seppur non confrontabile con l’originale cinematografico (Whalberg), l’attore si dimostra perfettamente adeguato al ruolo.

Una scena tratta dal pilot.
Una scena tratta dal pilot.

Per gli amanti del Dottor House, sarà un piacere rivedere Omar Epps, qui nel ruolo del colonnello Johnson che fu di Danny Glover nella versione cinematografica. Epps dimostra di essere ancora una volta, un ottimo attore, capace di dare al suo personaggio la giusta connotazione negativa ma allo stesso tempo mantenendolo umano negli atteggiamenti.

Shantel VanSanten è perfetta nel ruolo della moglie forte e determinata di Swagger.
Shantel VanSanten è perfetta nel ruolo della moglie forte e determinata di Swagger.

Molto buone le scelte per i ruoli femminili. Shantel VanSanten, dopo l’esperienza di “The Flash” e la comparsata recente in “Timeless”, è la perfetta moglie di un uomo che per scelta ha deciso di vivere lontano da chi ama. Una donna forte e abituata a cavarsela da sola in ogni situazione. Anche il ruolo dell’agente FBI, portato sullo schermo da Cinthya Addai-Robinson, vista anche lei nel mondo dei supereroi DC/CW nel ruolo di Amanda Valler, è quello di un’agente pronto a mettersi in gioco per amore della verità e che crede quasi da subito all’innocenza di Swagger.

Un duro faccia a faccia fra Johnson e Swagger.
Un duro faccia a faccia fra Johnson e Swagger.

La serie è davvero ben confezionata. Alterna retrospezione dei personaggi a molte scene action e gli episodi volano letteralmente lasciando sempre la voglia di proseguire immediatamente con l’episodio successivo per capire come andrà a finire. Chi ha visto il film, apprezzerà sicuramente la possibilità data dalla serialità, di allargare alcuni temi, come detto, chi invece non l’ha visto, si troverà davanti un serie action di cospirazione in ambito militare e politico davvero molto trascinante e godibile.

Gli amanti del Wrestiling riconosceranno senz'altro Randy Orton.
Gli amanti del Wrestiling riconosceranno senz’altro Randy Orton.

Il nostro consiglio è di guardare la serie TV anche se avete già visto il film o letto il libro da cui entrambi i prodotti sono tratti. La consigliamo anche agli amanti dei Thriller spionistici alla Jack Ryan per intenderci, che troveranno la trama e lo svolgimento della stessa, decisamente all’altezza della situazione. E voi cosa ne pensate? Aspettiamo la vostra opinione attraverso i nostri canali Social. 

Comments

comments