Stalker, viaggio nei reati del nuovo millennio

Michele Li Noce-

La nuova serie TV che esplora con occhio attento il fenomeno dello Stalking in tutti i suoi aspetti, tra pathos, azione e drammi personali

stalker1Stalker è il titolo della nuova serie CBS creata da Kevin Williamson (The Following) e come si deduce dal titolo, si occupa di uno dei reati più attuali ai nostri giorni: per Stalker si intendono tutti quegli atteggiamenti maniacali, persecutori e ossessivi, anche con risvolti violenti, che si attuano nei confronti di persone a volte del tutto ignare, altre invece nei confronti di amori conclusi. Il diffondersi dei social network ha incrementato esponenzialmente questo reato e purtroppo anche in Italia i fatti di cronaca riferiti a questi comportamenti sono in notevole aumento. Prendendo quindi spunto da un fenomeno molto diffuso in tutto il mondo e in particolar modo negli USA, Williamson ha ideato una serie Tv Thriller/investigativa che raccontasse l’attività di una squadra speciale della polizia di Los Angeles, dedita alla persecuzione e prevenzione dei reati di Stalking.

La squadra anti-Stalker al completo.
La squadra anti-Stalker al completo.

Una serie dalle tematiche fortemente psicologiche, che affronta in modo dettagliato e mai banale, le devianze psichiatriche che sfociano nella morbosa attenzione o nell’odio violento nei confronti di altre persone, raccontando casi sempre più complessi, in cui la vita del perseguitato è appesa a un filo.

Beth e Jack in una scena del telefilm. I rapporti fra i due detective non sono idilliaci.
Beth e Jack in una scena del telefilm. I rapporti fra i due detective non sono idilliaci.

A capo dell’equipe il capitano Beth Davis (Maggie Q), donna risoluta e poco socievole, con una grande esperienza nel campo e un passato doloroso legato proprio a un caso di Stalking.
Completano la squadra Ben Caldwell (Viktor Rasuk) giovane ma già esperto nel campo e Janice Lawrence (Mariana Klaveno) efficiente e determinata detective.

Dalla omicidi di New York, arriva Jack Larsen (Dylan McDermott già visto recentemente in American Horror Story) a rinforzare la squadra con la sua esperienza investigativa. Anche Larsen si lascia alle spalle un passato ancora non chiaro, ma nel proseguimento della serie si capirà che il suo trasferimento a Los Angeles non è stato casuale. Infatti qui si è trasferita e vive con il figlio, la ex di Larsen, il procuratore distrettuale Amanda Taylor (Elisabeth Roehm). Amanda non consente all’ex di vedere suo figlio a causa di un fatto accaduto in passato a New York e che sarà, insieme al mistero legato a Beth Davis, il fulcro della narrazione verticale della serie.

Dylan McDermott è Jack Larsen.
Dylan McDermott è Jack Larsen.

Lo show sta ottenendo ottimi risultati di ascolto e ratings, merito delle storie ben costruite e della recitazione convincente dei due protagonisti. McDermott già vincitore di un Golden Globe, si dimostra ancora una volta perfetto nell’interpretare il poliziotto duro dal cuore tenero e dal passato da cancellare. Un gradino sotto Maggie Q che pur interpretando bene il suo ruolo, a volte pecca di scarsa espressività non trasmettendo allo spettatore l’emozione che invece la situazione merita.

Maggie Q è il capo della sezione Beth Davis.
Maggie Q è il capo della sezione Beth Davis.

Williamson con Stalker amplia alcune delle tematiche già toccate da The Following e lo fa in maniera molto netta e senza deviazioni. I casi sono lo specchio crudo e realistico di un fenomeno negativo che negli USA fa decine di vittime e migliaia di denunce.

Viktor Rasuk è
Viktor Rasuk è Ben Caldwell.

Quale posto migliore di Los Angeles per ambientarlo? Le vittime principali e quasi scontate dei maniaci ossessivi sono proprio gli attori famosi o meno. Inoltre, almeno per quanto visto finora, la città raccontata dalla serie non ha nulla di solare o allegro e fa da perfetto scenario per lo show.

Mariana Klaveno è
Mariana Klaveno è Janice Lawrence.

Possiamo senz’altro concludere dicendo che la serie, pur senza i battages pubblicitari di altre, si è guadagnata sul campo i galloni, conquistando subito critica e pubblico. Punti di forza sono lo sviluppo delle vicende personali dei protagonisti e dei singoli casi, nei quali ci ritroviamo immediatamente trascinati da un ritmo serrato di indagini. Per la sapiente costruzione delle vicende ne consigliamo senz’altro la visione.

Comments

comments

One Comment