Transformers 4, l’Italia si prepara all’era dell’estinzione

Francesca Palumbo –

Esce oggi  nelle sale italiane Transformers 4 – L’era dell’estinzione, quarto capitolo della fortunata serie robotica di Michael Bay

 

1044400_558552717541773_1217070411_n

I Transformers sono tornati sul grande schermo dopo tre anni di assenza, con un cast umano completamente rinnovato e alcune new entry anche tra i protagonisti “metallici”.
In questo nuovo film dedicato agli abitanti di Cybertron, il pubblico vedrà sul grande schermo Mark Wahlberg (nel ruolo del protagonista Cade Yager), Nicola Peltz, Jack Reynor, Stanley Tucci, Kelsey Grammer, Sophia Myles, T.J. Miller, Titus Welliver, Li Bingbing, Melanie Specht, Victoria Summer e Han Geng.
Le musiche, già ampiamente apprezzate dal pubblico internazionale, sono di Steve Jablonsky e della band Imagine Dragons, che ha firmato “Battle Cry” brano inserito nella colonna sonora.

Giunto in Europa per la prima volta a Berlino lo scorso 30 giugno, Transformers 4, Age of Extinction , si preannuncia come una pellicola attesissima per i fan della saga e per gli appassionati dei giganti senzienti e trasformabili che, negli ultimi trent’anni hanno letteralmente invaso il mercato animato e dei fumetti, nonché quello di giochi, videogiochi e modellismo.
Nei precedenti film gli abitanti di Cybertron si erano rivelati sulla Terra portandovi la loro guerra civile tra Autobot e Decepticon.
In Transformers 3 il pubblico ha assistito alla distruzione della città di Chicago e alla vittoria degli Autobot (alleati con l’umanità nonostante qualche frizione) sui Decepticon che si erano infiltrati sulla Terra grazie alla connivenza con alcuni individui senza scrupoli.

transformers-4-l-era-dell-estinzione_cover

Nel quarto capitolo però l’umanità la ritroviamo ostile nei confronti di tutti i Transformers senza distinzioni di razza, al punto che “i buoni” dei precedenti film, come Optimus Prime, si ritroveranno a essere “robot in disguise”, nascosti sotto le spoglie altri macchinari e banditi dal nostro mondo.
Immancabile il ritorno dell’avversario per eccellenza di Optimus, Megatron, che in questa pellicola prenderà il nome di Galvatron.
Nuovi robot entreranno poi in scena: Lockdown, cacciatore di taglie di cybertroniani e la squadra dei Dinobot, Tranformers con le sembianze di creature preistoriche, il cui ruolo sarà centrale per tutta la trama del fim.
Come di consueto le vicende robotiche s’intrecceranno a quelle umane, con nuovi protagonisti sia dalla parte degli alleati degli Autobot che dei loro nemici.

Tra i fan l’attesa è grande e il film, distribuito dalla Universal Picture, sembra promettere di soddisfare le aspettative, nonostante il distacco quasi totale dai tre precedenti.
Va tuttavia ricordato che gli organizzatissimi ammiratori della saga robotica hanno già accuratamente analizzato la pellicola negli USA e hanno esposto le loro perplessità su alcune scelte della regia sul sito ad hoc tfwiki.net (una sorta di enciclopedia dei cybertroniani).
Tra quelli più significativi va senz’altro ricordata la scelta delle trasformazioni; a differenza della serie animata infatti alcuni Tranformers nella forma adatta a mimetizzarsi sulla Terra non sono stati riprodotti fedelmente. L’esempio più lampante è Galvatron, nella versione originale un cannone o un carro armato, nel film di Michael Bay un camion come Optimus.

Al di là, comunque, delle licenze artistiche che contraddistinguono l’opera, Tranformers 4 rimane un film attesissimo nel nostro paese. “L’era dell’estinzione” promette una buona affluenza di pubblico.

 

Comments

comments

One Comment