Veronica Mars, sul grande schermo grazie al crowdfunding

Francesca Palumbo – 

A distanza di sette anni dalla fine della fortunata serie televisiva Veronica Mars, la giovane investigatrice privata californiana, i fan di tutto il mondo hanno finalmente avuto il loro “gran finale” in un film

photo-main

Veronica Mars è una serie TV Made in USA, prodotta da Rob Thomas e trasmessa nel nostro paese su Italia 1.

Composta da tre stagioni distribuite tra il 2004 e il 2007, la storia parla della giovane Veronica (interpretata da Kristen Bell) investigatrice privata che in ogni puntata si prodiga per risolvere piccoli misteri e affari quotidiani degli abitanti della cittadina di Neptune in California.

In ognuna delle stagioni il filo conduttore della trama è sempre un caso più grande e importante sullo sfondo: nella prima stagione il misterioso omicidio della migliore amica di Veronica, Lilly Kane (interpretata da una giovanissima Amanda Seyfried); nella seconda la tragedia dello scuolabus manomesso dopo una gita scolastica in cui perdono la vita numerosi studenti; nella terza i complicati intrighi nascosti dietro le aggressioni nei dormitori del college di Neptune. I 64 episodi che hanno caratterizzato tutto il percorso dell’opera di Rob Thomas hanno portato al personaggio di Veronica un numero davvero impressionante di fan in tutto il mondo, al punto che quando la serie non ebbe più un seguito per il calo degli ascolti, la delusione fu grande e gli ammiratori si prodigarono per ottenere un sequel.

Locandina del film Veronica Mars

La svolta per il prodotto televisivo Veronica Mars arrivò ben sei anni dopo, nell’aprile del 2013, quando tramite il sito Kickstarter Thomas attivò il crowdfunding per ottenere dagli stessi fan i mezzi economici per produrre un film ispirato alla serie TV.

La tecnica del crowdfunding altro non è che un finanziamento collettivo proveniente dal basso, in cui persone interessate a uno o più progetti si impegnano a sostenerli donando quote di denaro prestabilite dal proponente. L’obiettivo dei partecipanti non è quello di un ritorno economico, bensì il sostentamento per un determinato prodotto culturale al fine di vederlo realizzato, di poterlo possedere e a volte anche di farne parte, ottenendo molte volte anche ricompense esclusive.

Tutti i partecipanti al finanziamento del film hanno ricevuto dalla produzione una ricompensa unica e esclusiva, dalla semplice gratitudine per le donazioni più basse, all’invio di gadget di ogni genere, alla partecipazione come comparse nella pellicola per i più generosi.

Una delle ricompense, la T-shirt con un design progettato appositamente per l'occasione
Una delle ricompense, la T-shirt con un design progettato appositamente per l’occasione

La tecnica del crowdfunding negli ultimi dieci anni ha avuto una notevole impennata. Le donazioni più significative erano avvenute fino a oggi per ragioni più “serie” rispetto alla creazione di un film (come ad esempio per la campagna elettorale di Obama o per i finanziamenti museali al Louvre), ma con la realizzazione di questa pellicola si può pensare che questa straordinaria tecnica, che prolifera sul web, possa avere un seguito nel mondo del cinema.

“The Veronica Mars Movie Project” ha ottenuto in poco tempo più di 5 milioni e mezzo di dollari, superando notevolmente il tetto previsto di 2 milioni. Al film hanno partecipato con entusiasmo gli attori storici della serie TV, tra cui Kristen Bell (Veronica), Jason Dohring (il tormentato ex fidanzato Logan), Percy Daggs III e Tina Majorino nei panni di Wallace e Mac (inseparabili amici della protagonista).

Nella pellicola troviamo la ormai adulta Veronica, lontana nel tempo e nello spazio dalla torbida Neptune. Laureata in legge, futuro avvocato di grido di New York con una situazione sentimentale stabile, la protagonista viene richiamata a Neptune dall’ex fidanzato Logan, ancora una volta inquisito per un turpe omicidio ai danni di una ex compagna del liceo. L’arrivo di Veronica getta nuove ombre sul tormentato passato della cittadina e sui suoi misteri irrisolti, dando al pubblico le stesse emozioni (se non di più) che la serie televisiva aveva saputo dare per anni.

Il pubblico di Veronica Mars insomma, proprio come la sua beniamina nel film, non ha saputo resistere al richiamo di Neptune e dei suoi misteri avvincenti.

Nell’ambiente girano anche voci di un potenziale seguito del film, ma per ora possiamo limitarci ad ammirare il risultato del crowdfunding per questo prodotto culturale che ha affascinato un’intera generazione.

Il precedente che ha creato “The Veronica Mars Movie Project” potrà forse essere il primo passo verso produzioni cinematografiche innovative scelte e finanziate direttamente dal pubblico.

Comments

comments